Recensione Clash Of Chefs VR

Clash of Chefs VR

7 out of 10
Pro
    Semplicità del gioco;
    Varietà della cucina;
Contro
    Grafica un po' troppo semplicistica;
    Calamitismo tra gli oggetti;
Commento finale Se avete voglia di passare qualche ora in compagnia di amici, sfidandovi a preparare piatti nel minor tempo possibile, Clash of Chefs VR è sicuramente un titolo divertente adatto a tutti, anche coloro che non sono abituati alla VR e i più piccoli. Tuttavia, si tratta di un titolo molto semplice che potrebbe stancarvi dopo poco tempo. Lo consigliamo, quindi, solo se avete qualcuno con cui giocarlo o amate le sfide online con gli sconosciuti.

Disponibile per piattaforme Oculus e SteamVR.
Versione testata Oculus Quest 2.

Clash of Chefs, opera prima della software house indie “Flat Hill Games“, è stato rilasciato il 16 settembre del 2021 e si inserisce nel filone dei giochi “di cucina” ma introducendo meccaniche nuove per la vr che non avevamo mai visto in altri giochi dello stesso filone, come per esempio Cooking Simulator o Cook Out. Il titolo punta tutto sulla semplicità, che dovrebbe garantire un più facile accesso ai giocatori più piccoli come a quelli più grandi, magari non abituati alla VR, e ore di “combattimenti” ai fornelli con amici o sconosciuti online.

Che gioco è ?

In Clash Of Chefs ci sono quattro tipi di stili di ristorante differenti, ognuno unico a modo suo e ovviamente con diversi tipi di cucina: abbiamo la cucina giapponese con il suo pesce crudo, il tipico fast food americano con hamburger e patatine, la piccante cucina messicana e la classica e rinomata cucina italiana accompagnata da pizza, penne e fusilli.

La sfida nel gioco consiste nel memorizzare le posizioni degli alimenti con cui preparare il cibo e, nel minor tempo possibile, procedere alla realizzazione del piatto con i giusti alimenti e la giusta preparazione. L’avanzare nei livelli introduce una maggiore quantità di ingredienti e nuove combinazioni e preparazioni che ci daranno filo da torcere. Messa cosìinsomma, il lavoro di uno chef, normalmente molto duro e faticoso, diventa un divertente passatempo.

Gameplay e longevità

Clash Of Chefs come abbiamo già detto, dispone di quattro ambienti di cucina con 80 livelli in totale nella campagna, e se all’inizio le cose sono abbastanza semplici e lineari, con l’avanzare del tempo capirete che gestire una cucina in VR, proprio come nella vita reale, non è cosa affatto semplice. Quando gli ordini anzi diventeranno troppi vi ritroverete ad agitare le mani come dei pazzi non trovando gli ingredienti e a dimenticare i passaggi da fare: ci scorderemmo ad esempio di levare la pizza dal forno, di non cuocere troppo gli hamburger o non far cadere la pasta dallo scolapasta. Se si perde troppo tempo o si sbagliano gli ingredienti, il cliente, spazientito, andrà via facendovi perdere il livello.

Nel gioco esistono oltre alla campagna, anche altre modalità differenti ma non molto originali Casual” che è una modalità per chi non vuole prendere troppo sul serio la sfida e vuole solo passare del tempo dietro ai fornelli. La modalità “Endless” che, come suggerisce il titolo, è la modalità senza fine con ordini infiniti (non adatta a chi non vuole impazzire, letteralmente).

Visualizza immagine di origine

L’aspetto più interessante per un gioco di questo tipo, tuttavia, è la modalità PvP “Sfida“, dove affronteremo i nostri amici facendo a gara a chi prepara più ordini senza sbagliare. Il gioco consente una certa libertà e, se il cliente non guarda, potreste anche giocare sporco, lanciando un mestolo o quello che avete a disposizione per ostacolare l’avversario (cucine da incubo scansati!).

Un’altra cosa molto interessante è la capacità del gioco di farci giocare contro un giocatore reale anche se non è online. In pratica il gioco vi metterà contro un giocatore offline ma che utilizza i movimenti registrati di un giocatore vero, che vengono riprodotti da un bot; l’impressione quindi è si stia giocando contro un player vero.

Visualizza immagine di origine

Comparto tecnico

Clash Of Chefs ovviamente sotto tutti i punti di vista non può essere considerato un titolo in grado di mostrare le capacità della VR. Anzi, con una grafica cartoonesca molto semplice, con banco da lavoro e ristorante molto spogli con decorazioni sotto questo aspetto è piuttosto lacunoso.

La sua semplicità, tuttavia, e le modalità molto semplici da memorizzare per un cooking simulator permettono anche ai più piccolo di avvicinarsi con semplicità. Per quanto riguarda il comparto audio c’è veramente poco da dire, con una musica stereotipata per i vari tipi di cucina, ad esempio in quella italiana si può trovare una classica musichetta italiana, che tuttavia non infastidisce visto il tono scanzonato del titolo.

Perchè giocarlo?

Se avete voglia di passare un’oretta in compagnia o di giocare a qualcosa di poco impegnativo in VR o avvicinare qualcuno alla VR senza confonderlo, Clash of Chefs è un titolo che potrebbe fare al caso vostro. E’ un titolo per casual gamers, che fa delle sfide con amici il suo principale punto di forza.

Perchè no?

Se non amate la cucina, o semplicemente cercate una esperienza di gioco più impegnativa e profonda, questo non è il gioco che fa per voi. Non lo consiglieremmo insomma, per le persone che amano l’azione e vogliono muoversi esplorare e sapere tutto di un gioco. Un altro argomento di cui credo sia opportuno parlare è l’imprecisione della presa degli oggetti e il cosiddetto effetto calamitismo, un esempio è il mestolo con il quale più di una volta abbiamo incontrato qualche problema come ad esempio il fatto che avvicinandolo alla pentola del sugo, questo scompaia e vada ripreso una volta successiva per avere il mestolo pieno o il coltello il cui taglio è già preimpostato e non si può decidere spessore, grandezza e angolazione.

Commento finale

Se avete voglia di passare qualche ora in compagnia di amici, sfidandovi a preparare piatti nel minor tempo possibile, Clash of Chefs VR è sicuramente un titolo divertente adatto a tutti, anche coloro che non sono abituati alla VR e i più piccoli. Tuttavia, si tratta di un titolo molto semplice che potrebbe stancarvi dopo poco tempo. Lo consigliamo, quindi, solo se avete qualcuno con cui giocarlo o amate le sfide online con gli sconosciuti. Il titolo è disponibile sullo store di Oculus Quest 2 al prezzo di 19,99 euro.

Se questo articolo ti è piaciuto o sei alla ricerca di un posto dove condividere la tua passione per la VR, o sei alla ricerca di consigli e suggerimenti per iniziare, iscriviti al nostro gruppo Facebook AlternativeReality.it e al nostro canale Telegram.

Se vuoi sapere quali sono i migliori giochi per Meta Quest 2, ti invitiamo a leggere questi articoli:
- Migliori Giochi Meta Quest 2;
- Migliori Giochi gratuiti Meta Quest 2;
- Migliori Giochi gratuiti per Meta Quest 2 su Sidequest;

Se sei alla ricerca dei migliori accessori per Meta Quest 2 ti invitiamo a leggere questo articolo dove abbiamo selezionato i migliori accessori per Meta Quest 2

Se vuoi acquistare Meta Quest 2 in sconto puoi farlo tramite questo link Amazon.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.